Ti Trovi in: Home / Libri e Dvd / Libri / Arte
Tegno nelle mane occhi e orecchie: Michelagniolo libro Arte
AUTORE:

Tegno nelle mane occhi e orecchie: Michelagniolo

Uno straordinario libro da vedere e da leggere per capire uno straordinario Maestro raccontato da un altro irripetibile Maestro

CODICE PRODOTTO: L10-L164
20,00 eur
IVA INCLUSA
DETTAGLI EDITORIALI:
ANNO: 2007
ISBN: 8824803407
LINGUA: Italiano
FORMATO: brossura - 17 x 24
PAGINE: 256
NOTE:
A cura di Franca Rame, disegni di Dario Fo
DESCRIZIONE
"Michelangelo è nato a Caprese nei pressi di Arezzo il 6 marzo del 1475 ed è campato fino a quasi 90 anni.
Una ventina d'anni prima della sua nascita, nel 1452, a Vinci, borgo nei pressi di Firenze, nasceva Leonardo, e pochi anni dopo Raffaello a Urbino.
Tutti e tre hanno trovato la matrice essenziale della propria genialità in Firenze ove imparano a dipingere, a scolpire e a progettare architetture. In quegli anni a cavallo del Cinquecento vengono al mondo, apprendono e producono, soprattutto a Firenze, centinaia di giovani talenti che diverranno, oltre che artisti, sommi statisti e intellettuali, come Machiavelli, Sederini e Guicciardini, oppure filosofi, musici, incisori, poeti, storici, scienziati, imprenditori della lana e dell'edilizia, gran medici e speziali, astronomi e perfino ammiragli di flotte, scopritori di terre del Nuovo Mondo, per non parlare del numero incredibile di vescovi e papi che Firenze da alla Chiesa.

Ma come mai questa città è diventata il crogiolo di tanti maestri? Se si dovessero radunare tutte le opere prodotte dai suoi figli, naturali e acquisiti, nel tempo dell'Umanesimo e del Rinascimento, comprese quelle andate perdute, razziate nelle guerre, rubate e ora in collezioni private di tutto il mondo, con esse si riempirebbero tutti i musei d'ogni Paese e ne resterebbero d'avanzo!
Cos'è, una casualità? Uno strano fenomeno che ha raccolto per follia genetica un Dna eccezionale fra i nativi della stessa città e nello stesso tempo?"

ESTRATTO: IL DAVID
L’eco del successo del grande dipinto della Deposizione del Cristo, ma soprattutto della Pieta’, quella in cui la Madonna tiene sulle sue ginocchia il figliolo, giunge fino a Firenze da dove il governo della Repubblica, nell’agosto del 1502, propone a Michelangelo di colpire il David, una statua, meglio, un monumento in marmo di cinque metri e piu’, eletto a emblema della citta’ e della sua indipendenza.
Il Buonarroti, pensando a Davide, non puo’ fare a meno di ricordare le due statue, una in marmo, l’altra in bronzo, eseguite dal grande Donatello, suo primo punto focale nella scultura.
Michelangelo, per questa statua, si avvale di un blocco di marmo gia’ sbozzato quarant’anni prima da Agostino di Duccio, valente scultore di Firenze.
La grande pietra abbozzata si trovava abbandonata nel cortile dell’Opera del Duomo. Era alta piu’ di cinque metri. Michelangelo con qualche colpo di scalpello ne misuro’ la consistenza. Trovatovi un buon marmo, qualche giorno appresso, il 13 settembre dello stesso anno, comincio’ a lavorare al progetto con piu’ decisione e fermezza. Per cominciare fece innalzare tutto intorno pareti e tetto, cosi’ da trovarsi al coperto senza dover spostare il masso, ma evidentemente lascio’ ampi spazi per la luce e li turo’ con lastre di vetro. E qui dobbiamo denunciare una certa superficialita’ piuttosto grave di molti narratori d’arte.
Chi ha pratica dello scolpire opere cosi’ imponenti, sa bene che solo nei film storici dell’arte, americani e purtroppo anche nostrani, si assiste alla messa in opera immediata con mazzuole e scalpelli, Nella realta’ il primo impatto con la scultura nasce sempre, o quasi, dai disegni: un numero notevole di bozzetti dove si descrivono movimento e gestualita’ visti da molte posizioni come se lo scultore girasse tondo tondo alla statua gia’ concepita nella sua mente.
Quindi si comincia a plasmare un modello in terra creta, della grandezza naturale; dalla creta si realizza il calco in gesso, e solo allora, rapportandosi sempre col modello, si inizia a scolpire nel marmo, ma col trapano. Un tempo il trapano era detto ad arco trillo, proprio perche’ veniva mosso per mezzo di un arco. La fune che lo tende avvolge l’asta dello strumento, Facendo trillare l’arco si trapana il marmo e si producono molti fori, ma certo non si procede a braccio bensi’ scientificamente. Tanto per cominciare si costruiscono due gabbie identiche con aste di legno e funi tese. Nella prima gabbia viene inserito il modello in gesso, nell’altra il concio di marmo da traforare. Riprendendo le eguali distanze dalle aste e dalle funi rispetto al modello si inizia a eseguire una lunga serie di trafori tutt’intorno al masso. Solo allora si interviene con lo scalpello e si libera la statua dalla pietra superflua: ecco finalmente apparire il vero nucleo dell’opera. Come diceva Michelangelo, cosi’ si e’ liberata la figura che restava prigioniera nella roccia.
A testimonianza di cio’, Michelangelo stesso scrive: “Davitte con la fromba ed io con l’arco: Michelagniolo! Rotta e’ l’alta colonna”, cioe’ a dire: “David ruppe il gigante colpendolo con la fionda, io l’ho vinto traforandolo col trapano ad arco”.
Ma con quale intento fu ordinato a Michelangelo di scolpire una statua di quelle dimensioni da porre nella piazza storica di Firenze? E’ di certo un gesto fortemente politico. Non va dimenticato che la Repubblica e’ nata con la cacciata dei Medici del 1494 e che, gia’ con Savonarola, i Medici s’erano affacciati protervi con l’intento di ritornarci. In poche parole, quella statua diceva esplicitamente ai Fiorentini: “Preparatevi, i tiranni stanno sempre alle porte. Non vi e’ permesso di dormire sonni tranquilli”.
Infatti sintetizzando diceva Soderini: “Come Davide noi siamo indifesi e ignudi d’armi. Solo la nostra determinazione e l’amore possente per la liberta’ possono armarci contro i tanti nemici che da ogni lato si preparano ad attaccarci. Solo cosi’ noi saremo giganteschi come questo Davide: preparati e invincibili”.
Di certo il viaggio della statua del David dal cortile dell’Opera del Duomo fino alla piazza della Signoria fu una vera e propria epopea trionfale, Antonio da Sangallo aveva progettato sia la gabbia che avrebbe dovuto contenere il monumento sia il carro che l’avrebbe trasportato, Una gran folla accompagnava il trasferimento: ragazzi e ragazze danzavano cantando; solo alcuni schizzinosi moralisti fischiavano e lanciavano pietre, indignati col Buonarroti e la Repubblica per aver mostrato un David con gli orpelli sessuali in sfacciata evidenza.
IL TUO CARRELLO
Nessun Prodotto Presente
ULTIME NOTIZIE
Mercoledì 7 Dicembre 2016
Per ricevere i prodotti entro Natale gli ordini entro e non oltre mercoledì 21...
Domenica 20 Dicembre 2015
Visita il nuovo shop dei disegni di Jacopo Fo e finanzi il Nuovo Comitato Il Nobel...
Mercoledì 4 Novembre 2015
Germogliatore automatico per coltivare in casa germogli freschi tutto l'anno.
Lunedì 19 Ottobre 2015
Sostieni i progetti del Comitato acquistando i prodotti artigianali preparati dai...
Martedì 10 Marzo 2015
Attrezzi ergonomici per un giardinaggio facile e piacevole!
Giovedì 3 Luglio 2014
Finalmente in vendita i quadri degli spettacoli di Dario Fo. Quadri o tavole...
Sabato 29 Marzo 2014
La trasmissione Presa Diretta di Iacona denuncia le sofisticazioni nel mondo della...
Martedì 4 Marzo 2014
Cerchiamo di comportarci in base a quello che riteniamo più giusto e più...
Venerdì 31 Gennaio 2014
Tecnicamente si chiamano Estrattori di succhi vivi a coclea e sono una straordinaria...
Venerdì 24 Gennaio 2014
Sistema di monitoraggio dei consumi elettrici domestici o dell'ufficio
Mercoledì 18 Dicembre 2013
Tutte le offerte di Natale di Commercioetico continuano fino al 5 gennaio 2014!
Martedì 3 Dicembre 2013
Offerta speciale per chi acquista l'imbottita di bambagia di seta pura: 20% di...
Martedì 3 Dicembre 2013
L'olio extravergine di oliva spremuto a freddo che proponiamo su...
  • Una Callas dimenticata
    La vita straordinaria di Maria Callas raccontata da Dario Fo e...
    eur 22,00
  • Correggio che dipingeva appeso in...
    Prestigioso ritratto di Antonio Allegri da Correggio, uno dei...
    eur 20,00
  • La Vera storia di Ravenna
    Dario Fo racconta, con illustrazioni, la storia della città di...
    eur 35,00
  • Bello figliolo che tu se Raffaello
    La figura e l'opera di Raffaello Sanzio raccontata da Dario Fo
    eur 20,00
  • Picasso Desnudo
    Il libro di Dario Fo e Franca Rame: un viaggio attraverso...
    eur 20,00
  • Il Boccaccio riveduto e scorretto
    Boccaccio è stato per me una grande scoperta acquisita anni e...
    eur 22,00
  • Capolavori
    Antologia del lavoro grafico di Daniele Luttazzi
    eur 8,00
  • Gesu e le donne
    I testi sacri e la storia di Gesù dalla parte delle donne. Con...
    eur 45,00
  • Tegno nelle mane occhi e orecchie...
    Uno straordinario libro da vedere e da leggere per capire uno...
    eur 20,00
  • Giotto o non Giotto
    Chi ha affrescato la Basilica Superiore di Assisi?
    eur 28,00
  • Il Mantegna impossibile
    Il libro di Dario Fo su Andrea Mantegna, uno dei maggiori...
    eur 20,00