Cervelli Verdi Fritti

5,90

Con lo stile personalissimo, ormai noto, che gioca tra serio e faceto, Jacopo Fo presenta teorie e tecniche sul cervello, la psiche, l’ES e il subconscio. Abbandonare il principio di autoconservazione, le paure, i sensi di colpa, che hanno un effetto devastante sulla nostra vita, ed entrare in comunione col Tutto: a partire da questo cambiamento e grazie a una serie di esercizi yoga, di meditazione e così via è possibile raggiungere l’estasi, conciliarsi con il mondo, godersi appieno la vita. Insomma con le parole di Jacopo Fo: ”ne saprete più di Freud e del professor Frankenstein”.

Sold By: : CommercioEtico.it Categoria:

Descrizione

Modestamente sono scemo
La prima edizione di questo libro risale al 1996… poi è stato riveduto e aggiornato ma la sostanza è rimasta intatta negli anni. E decisamente attuale.

L’Universo ce l’ha con te
A volte appare lampante che ti vogliono triturare le palle dentro il macinacaffè. E questo senza che tu abbia qualche colpa. È andata così e non c’è niente da fare. Invece ci sono dei carognoni, cattivi, falsi e vigliacchi, che gli va tutto a gonfie vele. Uno schifo.
Tu dici: «Ma guarda, quel figlio di uno sciacallo sifilitico, ladro, iena e senza cuore gli va tutto liscio e si scopa pure quel gran pezzo dell’Ubalda, tutta nuda e tutta calda. Ma (grandissimo scaracchio d’asino!), perché io soffro le pene dell’inferno, anche se aiuto i sordi ad attraversare la strada, e quello stronzo marcio immorale più strappa le ali alle mosche e le bruciacchia con la fiamma ossidrica e più fa tredici al totocalcio?»
Ma allora ditelo che l’universo, la natura, Dio, l’energia cosmica, Buddha, Visnù e tutti i profeti hanno fatto una holding monopolistica, all’unico sacrosanto scopo di sfondarmi i timpani, frullarmi gli intestini, fottermi i giorni di vacanza, fondermi qualunque elettrodomestico io compri e fracassarmi qualsivoglia rapporto umano. E, per giunta, foraggiano con ogni sorta di delizia, bonus e godimento, qualunque ebefrenico deficente, alito-leso che gli venga in mente di venire ad ammorbarmi col suo fiato mefitico, allo scopo di tradirmi, imbrogliarmi, raggirarmi o comunque recarmi danno, schifo, ribrezzo e noia.
E vaffanculo allora! Ma possibile che Dio, con tutto quel cazzo che avrebbe da fare, in tutte ‘ste moccolose galassie in fiamme, piene di ogni sorta di putridume, abbia da perdere tutto ‘sto tempo con me che conto meno di una merda di gatto?
No, in effetti Manitù, Odino, il Tao e Kalì non ti si filano proprio. Hai voglia prima che si accorgano che nella quattromillesima galassia a destra, nel tremilaottocentesimo sistema solare a sinistra, sul terzo pianeta, abita uno di quei 5 miliardi di relitti umani che quotidianamente annaspano, soffrono, odiano, ansimano, copulano e fanno cazzate mostruose una dietro l’altra, comunque convinti che l’universo ce l’abbia con loro, a prescindere da quanti chilotoni di oro, fortuna e amanti possano godere.
Perciò rilassati. Non sei tu il bersaglio preferito della sfiga cosmica. È un problema razziale. È la razza umana nel suo complesso che il creato vuole maltrattare. Cioè, come si dice: mal comune mezzo gaudio.

Informazioni aggiuntive

Anno

1996

Pagine

195

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy