Ingredienti
10 cachi molto maturi
frutta secca a piacere
carta da forno

Ripulite accuratamente una decina di cachi, privateli con attenzione dei grossi semi al loro interno e create una poltiglia il più omogenea possibile. Potete aiutarvi con un frullatore o anche soltanto con un cucchiaio di legno.
Sminuzzate grossolanamente la frutta secca che preferite: noci e mandorle saranno perfette, così come arachidi e anacardi. La quantità e il grado di finezza del trito dipenderanno unicamente dal vostro gusto personale.
Unite i cachi alla frutta secca sminuzzata e mescolate fino a raggiungere una buona omogeneità del composto.
Stendete la purea così ottenuta su fogli di carta da forno della dimensione di un cestello del vostro essiccatore, senza superare lo spessore di 5 o 6 mm.
Il tempo di essiccazione, che come sempre può variare con lo spessore del prodotto, il grado di umidità dell’aria e un maggiore o minore uso della vostra resistenza, si assesterà intorno ai due giorni.
A questo punto tagliate il panetto di cachi e frutta secca così ottenuto in barrette rettangolari e incartatele con alluminio o plastica alimentare.
E buona merenda a tutti!

Che cos’è l’essiccazione e perché è utile
L’essiccazione è un processo che elimina le parti acquose dagli alimenti (frutta, ortaggi, funghi, erbe aromatiche, carne, pesce) permettendo di conservarli più a lungo. In assenza di acqua, principale veicolo per la degenerazione delle sostanze, i processi di degrado rallentano drasticamente e la formazione di muffe e parassiti viene bloccata. Il prodotto rimane inalterato per lungo tempo, mantenendo inalterate le proprietà e caratteristiche organolettiche. L’essiccazione di frutta e ortaggi acquistati nella loro stagione permetterà di conservare intatti gli aromi ed i sapori anche negli altri periodi dell’anno, permettendo un notevole risparmio economico.

(0)

Ingredienti:
Per il ripieno
50 gr. di funghi essiccati (Boletus sp.)
1 carota
1 costa di sedano
2 spicchi d’aglio
1 cipolla
prezzemolo
200 gr di formaggio molle fresco
2 cucchiai di parmigiano reggiano
olio extravergine d’oliva
10 gr. di burro
4-6 uova
pepe, origano e sale

Per la pasta
300 gr di farina
20 gr. di sale

Per essiccare i fungi: ripulire senza bagnarli e tagliarli in fette di circa 5 mm. Per tutte le preparazioni, come il fresco, previo rinvenimento. PROGRAMMA P2 8-12 ore

Per il tortino:
Tagliamo finemente la carota, il sedano e la cipolla e mettiamoli a rosolare in una padella con dell’olio extravergine di oliva.
Facciamo rinvenire i funghi essiccati in poca acqua calda, indi aggiungiamoli al soffritto. Una volta asciugati i funghi lasciamo raffreddare e aggiungiamo origano, uova, parmigiano, sale e pepe.
Prepariamo intanto due strati di sfoglia impastando la farina con l’olio, l’acqua e il sale. Stendiamo uno strato in una teglia da forno ben oliata.
Mettiamo in teglia il composto di verdure e funghi, aggiungiamo un uovo e il formaggio molle (vanno bene stracchino, crescenza, quartirolo…).
Condiamo con il sale e qualche fiocchetto di burro. Infine, copriamo con uno strato di sfoglia e cuociamo per 40 minuti circa in forno a 180 °C fino a quando la superficie della sfoglia diventa ben dorata.
Lasciamo raffreddare qualche minuto e serviamo.

Che cos’è l’essiccazione e perché è utile
L’essiccazione è un processo che elimina le parti acquose dagli alimenti (frutta, ortaggi, funghi, erbe aromatiche, carne, pesce) permettendo di conservarli più a lungo. In assenza di acqua, principale veicolo per la degenerazione delle sostanze, i processi di degrado rallentano drasticamente e la formazione di muffe e parassiti viene bloccata. Il prodotto rimane inalterato per lungo tempo, mantenendo inalterate le proprietà e caratteristiche organolettiche. L’essiccazione di frutta e ortaggi acquistati nella loro stagione permetterà di conservare intatti gli aromi ed i sapori anche negli altri periodi dell’anno, permettendo un notevole risparmio economico.

(0)

Un ottimo snack dolce e salutare. E un’ottima soluzione per utilizzare l’interno delle zucche di Halloween!

Ingredienti
Zucca gialla
Erbe e aromi a piacere
Sale

Tagliate la zucca a fette piuttosto sottili e il più omogenee possibile, quindi adagiatele in un cestello forato per la cottura al vapore e cuocete a 100° per 10 minuti, oppure utilizzate una normale pentola a pressione o, ancor più semplicemente, il vostro forno ventilato.
Una volta cotta la zucca, disponete le fette nei cestelli dell’essiccatore, meglio se foderati con gli appositi fogli antiaderenti. Aggiungete sale, erbe e aromi a piacere (semi di peperoncino, curry, prezzemolo, ecc) e avviate l’essiccatore con il programma P1, controllando di tanto in tanto lo stato di essiccazione.
Quando le fettine di zucca saranno pronte, lasciatele a temperatura ambiente per qualche minuto, quindi conservate le vostre chips in un barattolo di vetro a tenuta ermetica.

Che cos’è l’essiccazione e perché è utile
L’essiccazione è un processo che elimina le parti acquose dagli alimenti (frutta, ortaggi, funghi, erbe aromatiche, carne, pesce) permettendo di conservarli più a lungo. In assenza di acqua, principale veicolo per la degenerazione delle sostanze, i processi di degrado rallentano drasticamente e la formazione di muffe e parassiti viene bloccata. Il prodotto rimane inalterato per lungo tempo, mantenendo inalterate le proprietà e caratteristiche organolettiche. L’essiccazione di frutta e ortaggi acquistati nella loro stagione permetterà di conservare intatti gli aromi ed i sapori anche negli altri periodi dell’anno, permettendo un notevole risparmio economico.

(0)

Fa freddo, siamo già in aria di festa, voglia di coccole e di cioccolato! Prepariamo allora dei cioccolatini fatti con le banane essiccate da noi e poi ricoperte di meraviglia!

Ingredienti
(per circa 20 cioccolatini)
3 banane mature (anche quelle un po’ segnate, purché dentro siano ancora belle)
300 g di cioccolato fondente
1 stampino in silicone con la forma che volete o, se non lo avete, una semplice vaschetta per ghiaccio di metallo o di plastica

Sbucciate le banane, tritatele a pezzettini e metteteli in essiccatore su un foglio di carta da forno (meglio ancora fogli DrySilk).
Quindi essiccate a 55 gradi per circa 20 ore (programma P1 di Biosec).
Essiccate le banane, è tempo di occuparsi del cioccolato. Spezzettate le tavolette grossolanamente e sciogliete a bagnomaria continuando a mescolare facendo attenzione a non innalzare troppo la temperatura del cioccolato (l’ideale è che si sciolga lentamente senza mai superare i 40 gradi).
Una volta sciolto versate un primo strato di cioccolato sul fondo degli stampi quindi sbriciolate all’interno le pepite di banana essiccate e ricoprite con un ultimo strato di cioccolato fuso. Riempiti tutti gli stampi è il momento di metterli in freezer per un paio d’ore al massimo.

Passate 2 ore, tirate fuori gli stampi dal congelatore e fate riposare un paio di minuti prima di rovesciare gli stampi su un piatto o un tagliere.
Potete fare i cioccolatini anche con altri frutti essiccati. Poi procuratevi un buon film, un plaid caldo e buon appetito!

Che cos’è l’essiccazione e perché è utile
L’essiccazione è un processo che elimina le parti acquose dagli alimenti (frutta, ortaggi, funghi, erbe aromatiche, carne, pesce) permettendo di conservarli più a lungo. In assenza di acqua, principale veicolo per la degenerazione delle sostanze, i processi di degrado rallentano drasticamente e la formazione di muffe e parassiti viene bloccata. Il prodotto rimane inalterato per lungo tempo, mantenendo inalterate le proprietà e caratteristiche organolettiche. L’essiccazione di frutta e ortaggi acquistati nella loro stagione permetterà di conservare intatti gli aromi ed i sapori anche negli altri periodi dell’anno, permettendo un notevole risparmio economico.

(0)

Ingredienti:
1 kg di carote
1 kg di cipolle
250g di sedano (foglie e gambo)
2 porri grandi
1 patata
sale

Il procedimento è molto semplice : basta affettare la verdura e inserirla nei cestelli in maniera ben distesa.
Una volta avviato l’essiccatore fate essiccare fino a che la verdura non sia perfettamente secca…
Si consiglia di togliere la verdura man mano che si essicca, alcune verdure tipo le foglie del sedano si essiccano prima delle altre.
Quando le verdure saranno completamente tutte essiccate, inseritele in un frullatore e azionate alla massima velocità fino a che non sia tutto ben tritato.
Aggiungete il sale (la dose è metà peso delle verdure tritate, ma vedete voi, potete anche non metterlo e aggiungerlo poi nelle pietanze) confezionate in vasetti ermetici e tenete in un luogo fresco e asciutto.
Si conserva per molti mesi.

Che cos’è l’essiccazione e perché è utile
L’essiccazione è un processo che elimina le parti acquose dagli alimenti (frutta, ortaggi, funghi, erbe aromatiche, carne, pesce) permettendo di conservarli più a lungo. In assenza di acqua, principale veicolo per la degenerazione delle sostanze, i processi di degrado rallentano drasticamente e la formazione di muffe e parassiti viene bloccata. Il prodotto rimane inalterato per lungo tempo, mantenendo inalterate le proprietà e caratteristiche organolettiche. L’essiccazione di frutta e ortaggi acquistati nella loro stagione permetterà di conservare intatti gli aromi ed i sapori anche negli altri periodi dell’anno, permettendo un notevole risparmio economico.

(0)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy